Racconto di uno scatto

Le straordinarie forme della Natura

27 Maggio 2016

E’ straordinario come Natura sia desiderosa di trasmettere i suoi messaggi e come, grazie anche alla tecnologia, essi possano diventare di dominio pubblico. Gli scatti che voglio proporre sono due, parlano di amore.

Il primo è il mio. E’ una foto che ho scattato passeggiando lungo il sentiero che da Valle dei Preti (Roccacasale), sul Morrone, conduce alla fonticella di Beato Mariano. Un faggio, due statuarie ramificazioni che partono dalla stessa e possente radice, che si avvicinano l’uno all’altro quasi a volersi intrecciare. Una figura femminile ed una maschile quasi nell’atto della creazione, un atto che dona vita, e se non è questo amore quale potrebbe esserlo?

parco majella cuoreL’altro scatto ha fatto il giro del web grazie al social Facebook. Si tratta della foto di Rossella Santilli,  la signora ha immortalato un pascolo di bovini  con l’eccezionale sfondo del Parco Majella. Le ultime nevi salutano l’arrivo dell’estate formando, in modo piuttosto chiaro, un cuore, e non è amore questo?

Ora, io non voglio ergermi ad interprete di “arcani” segnali, ma in queste due foto, tra l’altro arrivate nello stesso giorno (coincidenze!), io leggo un solo unico messaggio: AMORE. Amore inteso non solo come quello che si può provare per il proprio compagno, marito, fidanzato, ma anche quello nei confronti dei figli, dell’anziana vicina di casa, del cliente troppo esigente e di quello che vi fa scappare la pazienza. PAZIENZA, credo vada di pari passo con amore, con chi pensa di comprarvi in cambio di un favore che riveste qualche subdolo ricattino al quale poi, naturalmente, dovrete, a pensar loro, prostrarvi per tutta la vita. Pazienza che, in determinate circostanze, non deve mai mancare, anche se vi rendete conto che alla fin fine pare che tutti vadano avanti e solo voi restate indietro perché decidete di restare FEDELI alle vostre convinzioni che, se verrebbero meno, se tradite, svanirebbero come svanireste voi, e la vostra ESSENZA. Ideali! Amore, pazienza, fedeltà, essenza, natura.

Cosa vorrà dire? Ascoltarsi, ascoltare, vivere in serenità con tutto ciò che ci circonda; gioire delle piccolezze del quotidiano, aver coraggio di cambiare. Essere eroi delle proprie vite perché epici, a ben pensare, non sono solo i poemi classici. In tutto questo la natura non è solo scenario, ma insegnamento, è ARMONIA, è gioco, come ho giocato io domenica scorsa con quei rami di faggio e con le setose infiorescenze di cui molto spesso non conosco neanche il nome, ma come una bella chiacchierata, mi donano serenità e senso della vita.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply