Adventure Space

“Piccoli esploratori” e l’amore per il territorio

7 Luglio 2016

Sono emozionata. Finalmente il progetto di anni, anche se modificato in corso d’opera, sta per prendere vita. “Piccoli esploratori” si chiama, ed è tutto dedicato ai più piccoli. Si, proprio a loro che sono il nostro contatto diretto con ciò che di più autentico c’è nella vita.

Nasciamo, cresciamo, maturiamo (si fa per dire), convinti che altrove ci sia l’opportunità giusta per noi. Non la penso affatto così, e penso che anche voi abbiate capito questa mia convinzione, perciò ho pensato, modificato, titubato, appoggiato questo progetto che, grazie all’aiuto dell’amica Sara e l’associazione Adventure Space, partirà sabato prossimo.

Vi spiego in breve. Ogni sabato (salvo la Riserva Monte Genzana veberdì 5 agosto) porteremo bambini dai 6 ai 13 anni all’avventura, perché sarà proprio questo: un’avventura alla scoperta, con occhi nuovi, delle bellezze che ci circondano e che probabilmente, buona parte, non è riuscito ancora ad esplorare.

Partiremo con il Centro Visita del Lupo di Popoli per capire i motivi che spingono l’uomo a temerlo e sostenere, ribaltando le credenza comuni, la battaglia intrapresa dal Parco Nazionale della Majella #salviamofratellolupo. Proseguiremo poi, durante le otto uscite totali programmate tra luglio ed agosto, verso l’Aterno per conoscere le magnificenze naturalistiche della Riserva regionale Gole di San Venanzio e capire il binomio natura e religione, nell’Eremo che sovrasta il fiume, infatti, visse proprio l’eremita. E poi ancora un altro asceta, Pietro da Morrone, fu Celestino V, che invece scelse quello che ora conosciamo come l’Eremo di Sant’Onofrio, seguiremo le sue orme fino all’Abbazia di Santo Spirito dove il personale della Sovrintendenza ci guiderà alla scoperta di questo meraviglioso complesso e quello del Parco Majella ci illustrerà, giocando, tutto quello che c’è da sapere sulle nostre montagne. Ed ancora la magia degli gnomi in festa a Roccaraso per poi, ad agosto, continuare con il Parco industriale della Riserva regionale Monte Genzana-Alto Gizio che, in via straordinaria, ci darà la possibilità di raggiungere la sorgente del fiume attraversando un tunnel sotterraneo; sempre un fiume è il Tirino, a Bussi, tra i più puliti d’Europa. La penultima tappa sarà alla scoperta delle origini d’Italia a Corfinio, la Corfinium capitale della Lega Italica durante la guerra sociale contro il dominio dell’Impero Romano.  Infine non potevamo non onorare la nostra Roccacasale in una giornata tra natura ed allevamento, alla scoperta delle erbe spontanee e del formaggio.

Perché l’amore ed il rispetto per la propria terra si insegnano fin da bambini.

Le Mille e un Abruzzo seguirà passo passo l’avventura dei “Piccoli esploratori”.

STAY TUNED

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply