Adventure Space

Piccoli esploratori: “Il lupo è semplicemente così”

14 Luglio 2016

“Il lupo non è né cattivo né buono, è semplicemente così”. E poi che non è vero che sono i bambini a guardare le cose per quello che sono, scevri da pregiudizi e distorte strutture sociali. “E’ un predatore” e fa esattamente ciò che fa un predatore in natura, procacciarsi il cibo, ma non attacca gli uomini, anzi li fiuta in lontananza e al loro avvicinarsi si dilegua nel fitto della boscaglia, il lupo teme l’uomo. Che strani esseri siamo.

Sabato scorso la prima uscita di “Piccoli Esploratori” è stato un successo di numeri e qualità della giornata passata a conoscere gli animali che popolano i nostri monti. Nella Centro Visite Il Lupo di Popoli, situato all’interno della riserva della forestale e nelle visite guidate curate dalla cooperativa Il Bosso, diciotto bambini hanno avuto la possibilità di conoscere la fauna locale: cervi, daini, mufloni, gufi, poiane, il dolce barbagianni. Guidati dalla loro curiosità hanno reso quelle ore insieme un distillato di speranza. In cosa? Nella cura, amore e protezione nei confronti del nostro territorio così dannatamente bello, selvaggio e altrettanto fragile.

Dalle nozioni di base sul lupo grazie alla lezione interattiva con Marta, la guida, alla stanza degli ululati che ha emozionato i ragazzi, catturati dalle modalità di comunicazione di questo animale. L’entusiasmo si è toccato con mano confermando che siamo sulla strada giusta, lì dove tutto deve andare, verso la trasmissione autentica dell’amore e il rispetto per il patrimonio che ci circonda.

Il prossimo sabato (16 luglio), tempo permettendo (purtroppo le previsioni sono poco rassicuranti), andremo ad esplorare uno dei posti più belli in Valle Peligna: la Riserva regionale delle Gole di San Venanzio. Tra misticismo e natura, simbiosi affascinante quanto suggestiva, alla scoperta dell’eremita Venanzio, della grandiosità del suo luogo di meditazione che guarda i vorticosi movimenti del fiume Aterno.

Prosegue così l’avventura dei grandi “Piccoli Esploratori” alla scoperta di un nuovo modo per vivere consapevolmente il territorio.

Non dimenticate che la terra si diletta a sentire i vostri piedi nudi e i venti desiderano intensamente giocare con i vostri capelli.
(Kahlil Gibran)

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply